Innovate Everywhere: Adopting IT at Scale

Designing a Winning Business Model

21 settembre 2021
Registrati

Informazioni Generali

 

Webinar

 

21 settembre 2021

 

12.00-13.00

Accedi al webcast_SUSE W2
 

 

Introduzione

Come gestire in modo semplice e dinamico gli ambienti IT distribuiti

La pandemia, costringendo molte imprese e istituzioni italiane ad abilitare dall’oggi al domani il lavoro e l’operatività da remoto, ha dato una forte accelerazione all’adozione dei servizi cloud. Se da un lato ciò ha contribuito in modo sostanziale ad accelerare i processi di trasformazione digitale, dall’altro ha inevitabilmente incrementato il livello di complessità nella gestione e orchestrazione dell’infrastruttura ICT.

Il cloud ha infatti consentito alle aziende di implementare nuovi modelli di business basati su servizi e prodotti digitali grazie alle sue caratteristiche di flessibilità, scalabilità ed efficienza e all’accesso a tecnologie emergenti, ma ha anche posto le organizzazioni IT di fronte a nuove sfide, come la modernizzazione applicativa e l’integrazione dei dati.

In ambienti hybrid e multicloud, orchestrazione e gestione sono oggi fondamentali per una strategia di migrazione di successo. Per realizzare quella che IDC definisce la Future Enterprise e liberare la capacità di innovare ovunque, le aziende dovranno evolvere da un approccio a silos a un modello a scalare basato su architetture cloud connesse, gestito e orchestrato da policy, supportato da soluzioni di automazione, intelligenza artificiale e machine learning (AI/ML).

Nei primi due appuntamenti di questo speciale roadshow virtuale abbiamo discusso di come gestire in modo efficace la modernizzazione applicativa e la complessità degli ambienti cloud e multicloud. Cloud che sta diventando sempre più il “ponte” tra core ed edge nella creazione di un'infrastruttura distribuita in cui la piattaforma kubernetes svolge un ruolo fondamentale nel semplificare le attività di orchestrazione applicativa e aumentare l’automazione.

In questo terzo e ultimo appuntamento andremo invece ad analizzare quali sono i principali workload che utilizzano software open source e quali gli use case più importanti in questo contesto. Approfondiremo quindi alcuni casi di successo e best practice, per esempio come le piattaforme kubernetes hanno favorito la migrazione e l'integrazione con il public cloud.

Il webinar, che si terrà il prossimo 21 settembre, grazie al confronto diretto tra analisti ed esperti di tecnologia, sarà l'occasione per tirare le somme di un percorso completo che è partito dall'analisi dei primi passi per modernizzare l'infrastruttura in ottica cloud per arrivare al ruolo di kubernetes e infine alle linee guida per supportare processi di innovazione costante e continua di modelli IT e di business.

Agenda

Orario Evento & Speaker
12:00

Benvenuto e apertura lavori da parte di IDC

12:05

Intervento a cura di IDC

Sergio Patano

Associate Director, Research & Consulting, IDC Italy
12:20

Sessione Q&A e Live Poll

12:25

Scenario Tecnologico a cura di SUSE

Carlo Baffè

Head of Indirect Sales, South EMEA, Suse
12:45

Sessione Q&A e Live Poll

13:00

Conclusioni e Chiusura dei Lavori

Sponsor

Partner

Contattaci

Magda Tripoli

Conference Manager

+39 02 28457385

Chi è IDC

57 Anni | 1100 Analisti | 110 Paesi

IDC è la prima società mondiale specializzata in ricerche di mercato, servizi di consulenza e organizzazione di eventi nei settori ICT e dell’innovazione digitale. Oltre 1.000 analisti in 50 Paesi del mondo mettono a disposizione a livello globale, regionale e locale la loro esperienza e capacità per assistere il mercato della domanda e dell’offerta nella definizione delle proprie strategie tecnologiche e di business a supporto della competitività e della crescita aziendale. Ogni anno IDC conduce oltre 300.000 interviste, pubblica 5.000 report di ricerca e influenza più di 10.000 CIO ai propri eventi. IDC fa parte del gruppo IDG. La filiale italiana di IDC, costituita nel 1986, integra la visione strategica sviluppata dal gruppo a livello mondiale con le proprie competenze sul mercato ICT locale. Presso la sede di Milano lavorano più di 40 specialisti, suddivisi in quattro aree (Ricerca e Consulenza italiana, IDC Insights, Industry Solutions ed EU Government Consulting) e nella divisione dedicata agli eventi.